Bonus 200 euro, aumenta la lista dei beneficiari: spetta a tutte queste categorie

Bonus 200 euro, l’indennità una tantum prevista dal Decreto Aiuti sarà estesa ad una vasta platea di beneficiari: spetta a tutte queste categorie.

persone prelevano bonus
persone prelevano bonus- Oipamagazine.it

L’indennità una tantum pari a 200 euro, integrata di 150 euro, spetta ad una platea di beneficiari più vasta: ecco chi sono. Il provvedimento interministeriale siglato il 7 dicembre dal ministro del Lavoro, Marina Calderone, e dal ministro del Tesoro Giorgetti è stato ufficializzato dai magistrati contabili.

L’originaria previsione normativa indicava come beneficiari i pensionati ed i lavoratori dipendenti.

Successivamente la platea è stata ampliata e sono stati inclusi anche i lavoratori autonomi con Partita Iva, lavoratori atipici, stagionali, dottorandi di ricerca e lavoratori domestici. La platea dei beneficiari dell’indennità una tantum è stata ampliata in modo tale da sostenere economicamente ampie fasce sociali.

L’obiettivo è quello di contrastare il carovita dovuto all’incremento dei costi della materia energetica e all’aggravarsi del contesto geopolitico internazionale. Il bonus 200 euro è stato incrementato ulteriormente di altri 150 euro per le stesse categorie di lavoratori che hanno redditi bassi.

Bonus 200 euro: ampliata la platea dei potenziali beneficiari

Con l’aggiornamento normativo è stata ampliata la platea dei potenziali beneficiari dell’indennità una tantum pari a 200 euro, che consente di contrastare l’inflazione ed il carovita.

Oltre ai lavoratori dipendenti ed ai pensionati, hanno diritto a percepire il bonus 200 euro integrato di 150 euro anche i lavoratori autonomi, i lavoratori atipici, i disoccupati, i percettori del Reddito di Cittadinanza, i lavoratori domestici, gli stagionali, i dottorandi ed i borsisti. La platea è stata incrementata di oltre 30mila lavoratori titolari di Partita Iva e 50mila liberi professionisti.

beneficiari bonus 200 euro
beneficiari bonus 200 euro – Oipamagazine.it

Come richiedere il bonus una tantum pari a 200 euro?

Per richiedere il bonus una tantum pari a 200 euro, con integrazione di 150 euro, non è necessario presentare la domanda, nel caso in cui si sia dipendenti o pensionati. In tutti gli altri casi, per i lavoratori autonomi e liberi professionisti, è necessario presentare la domanda tramite la piattaforma approntata dall’Inps.

Bonus 200 euro una tantum: la questione dell’energia al centro dell’attenzione del governo

Il governo si impegna a scendere in campo per sostenere economicamente le famiglie ed i lavoratori che non riescono a fronteggiare i rincari e la fiammata inflazionistica. Nonostante il calo dei prezzi delle materie energetiche, i prezzi rimangono al centro dell’attenzione da parte delle forze politiche.

bonus 200 euro beneficiari
bonus 200 euro beneficiari – Oipamagazine.it

Oltre ai bonus una tantum sono stati prorogati il bonus sociale, che si sostanzia in uno sconto in bolletta per assicurare un risparmio sulla spesa della fornitura elettrica e gas ai nuclei familiari che vivono in una condizione di disagio economico.

Per ottenere questo bonus non è necessario presentare la domanda, ma è sufficiente presentare ogni anno la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) al fine di provare la propria situazione economica.

Per poter accedere al bonus sociale è necessario essere in possesso di determinati requisiti. L’Isee non deve eccedere i 15mila euro, o i 30mila euro, nel caso in cui ci siano più di quattro figli fiscalmente a carico.