Imprese

Telecom Italia, sì del CdA al nuovo piano. Investimenti per 14,5 miliardi

Giuseppe Recchi, presidente di Telecom Italia

Giuseppe Recchi, presidente di Telecom Italia

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia, presieduto da Giuseppe Recchi, ha approvato il nuovo Piano Strategico 2015-2017. Chiaro l’obiettivo dell’ex monopolista: imprimere una forte accelerazione nel programma degli investimenti innovativi sia in Italia sia in Brasile, in continuità con quanto realizzato nel 2014. In particolare, i fondi in Italia nel triennio 2015-2017 saranno pari a circa 10 miliardi di euro, di cui circa 5 miliardi dedicati esclusivamente alla componente innovativa (NGN, LTE, Cloud Computing, Data Center, Sparkle e Trasformazione). Alla fine del 2017 Telecom raggiungerà il 75% della popolazione con fibra ottica e oltre il 95% della popolazione con la rete mobile 4G, posizionandosi quale leader dello sviluppo infrastrutturale del Paese.
In Brasile gli investimenti saliranno ad oltre 14 miliardi di reais (corrispondenti al cambio attuale a oltre 4 miliardi di euro). Dei circa 5 miliardi di investimenti innovativi sul mercato domestico, quasi 3 miliardi di euro – in aumento di 1,1 miliardi rispetto al precedente piano triennale – saranno destinati esclusivamente allo sviluppo della fibra ottica, con circa 500 milioni di euro dedicati alla tecnologia FttH. Questa accelerazione degli investimenti in fibra ottica è previsto possa portare, al 2017, a incrementare di circa 1 milione i clienti attivi rispetto ai target del Piano precedente.
La larga banda mobile potrà contare su 900 milioni di investimenti per completare il piano di diffusione già in avanzata fase di realizzazione; allo stesso tempo migliorerà la copertura geografica del nostro Paese, che raggiungerà il 90% del territorio a fine 2017.
Novità anche sul fronte occupazionale: nel prossimo quadriennio Telecom Italia è pronta ad assumere 4000 persone attraverso la nuova normativa Jobs Act varata dal governo. Allo stesso tempo, tuttavia, l’obiettivo dichiarato dall’ex monopolista è quello di ridurre il costo del personale per un importo pari a 100 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email
Tags: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*