Economia e Finanza

Banche europee, accordo sulle misure per prevenire l’accumulo di crediti deteriorati

La Commissione accoglie con favore l’accordo politico raggiunto dal Parlamento europeo e dal Consiglio sulle misure prudenziali per continuare ad affrontare la questione dei crediti deteriorati in Europa.

L’accordo politico raggiunto oggi costituisce un passo importante per ridurre ulteriormente i rischi nel settore bancario dell’UE e rafforzarne la resilienza e contribuisce a un rapido completamento dell’Unione bancaria.

Le misure concordate garantiranno che le banche accantonino fondi a copertura dei rischi insiti nei prestiti futuri che potrebbero deteriorarsi. Ciò consentirà di evitare l’accumulo di esposizioni deteriorate nei bilanci delle banche e, in ultima analisi, consentirà alle banche di svolgere il loro ruolo fondamentale di finanziamento dell’economia e sostegno alla crescita.

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente responsabile per la Stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l’Unione dei mercati dei capitali, ha dichiarato: “Negli ultimi anni abbiamo lavorato intensamente per ridurre i rischi e rafforzare la resilienza del settore bancario europeo. L’accordo di oggi garantirà che le banche abbiano meno crediti deteriorati in bilancio, e dovrebbe quindi aumentare la loro solidità e capacità di finanziamento delle imprese. Auspico che il Parlamento europeo e il Consiglio raggiungano rapidamente un accordo sulle proposte in sospeso, che riguardano lo sviluppo di mercati secondari per i crediti deteriorati e l’agevolazione del recupero crediti”.

Questa misura, che fa parte di una serie di azioni presentate dalla Commissione nel marzo 2018 per affrontare la questione dei crediti deteriorati nell’Unione, si basa sulle iniziative messe in atto dagli Stati membri, delle autorità di vigilanza e degli enti creditizi per ridurre in maniera costante il numero di crediti deteriorati nell’Unione.

Fonte: Commissione Europea

Print Friendly
Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*