Consumatori

Confedercontribuenti: stop aste immobiliari prima casa e immobili strumentali per l’impresa

“E’ necessario tutelare il bene primario come la casa d’abitazione o l’immobile strumentale all’attività d’impresa, per questo chiediamo che il Parlamento legiferi per un cambio radicale della normativa sulle aste immobiliari. Una legge che garantisca i diritti di entrambe le parti”. A chiederlo il Presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro. “Chiediamo una legge efficace per salvaguardare coloro che vivono grandi difficoltà economico finanziarie e l’altro aspetto non secondario, “colpire” il sistema di aggiudicazione da parte della criminalità organizzata”. 

Confedercontribuenti propone la modifica del sistema del ribasso d’asta. Nel caso l’esecuzione sia richiesta da un Istituto bancario o da società di cartolarizzazione, prima di procedere alla messa all’asta dell’immobile, andra’ esperita la procedura di cartolarizzazione con il debitore, allo stesso prezzo di vendita del credito comunemente riservato alle società degli NPL. Solo in caso di non accettazione da parte del debitore all’applicazione di tale norma si potrà procedere alla vendita all’incanto,  fermo un ulteriore passaggio di verifica, che accerti che il prestito, sia chirografaro che ipotecario, non sia viziato da usuraio o anatocismo.  

Confedercontribuenti propone un sistema di aggiudicazione al rialzo su una base d’asta determinata dalla media del risultato delle perizie effettuate dai consulenti delle parti in causa.  Inoltre la gestione delle aste dovrà essere affidata a specifiche sezioni dei tribunali, non appartenenti ai territori oggetto dell’asta e da svolgersi esclusivamente con modalità telematica, al fine di salvaguardare il bene da “appetiti” della criminalità organizzata

“Altro punto fondamentale riguarderà i requisiti dell’aggiudicatario, che dovrà dimostrare capacità finanziaria, regolarità fiscale e previdenziale e certamente nessuna condanna giudiziaria. Noi su questo apriremo una battaglia di civiltà, anche alla luce della grave crisi economica che colpisce il paese” – conclude Finocchiaro. Insomma una inversione di tendenza fra leggi attuali liberticide, come lo sfratto esecutivo immediato per gli esecutati e il patto commissorio. E arrivato il tempo che il legislatore non guardi solo e soltanto agli interessi del sistema finanziario, alla luce di un dato che vede oltre 800.000 esecuzioni l’anno, in forte crescita.

Fonte: Confedercontribuenti

Print Friendly
Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*