Credito / Imprese

Credit crunch. L’allarme di CNA, Confartigianato e Casartigiani sulla stretta del credito alle imprese

Dal 2010 ad oggi il credito complessivo verso gli artigiani (CNA, Confartigianato, Casartigiani) è passato da 57 mld a 37 mld, con una riduzione del 35% in pochi anni, è il così detto credit crunch (stretta creditizia). I dati sono emersi dalla ricerca presentata dai Confidi di Fedart Fidi riuniti a Roma per la Convention annuale lo scorso 29-30 novembre.

Il credito alle imprese artigiane, componente fondamentale dell’aggregato delle micro imprese, mostra una riduzione di 3,4 miliardi nel 2017, a cui ha fatto seguito una ulteriore riduzione di 1,8 mld nel primo semestre del 2018.

Come spiega Leonardo Nafissi, direttore Fedart Fidi: “Manca una corretta distribuzione del credito all’economia e in particolare verso le Pmi. Resta questo il principale problema che frena la ripresa del Paese. A lanciare l’allarme, supportati dai numeri, sono i Confidi Fedart di CNA, Confartigianato e Casartigiani. Per le micro imprese fino a 10 addetti che rappresentano la base produttiva del Paese con oltre 4 milioni di unità, i dati al 31/12/2017 ed anche quelli al 30 giugno 2018 confermano che il mercato del credito è sempre più inaccessibile, con una conclamata difficoltà spesso legata alla dimensione e non alla qualità dell’impresa, a differenza delle altre dimensioni di impresa”.

Nel corso del 2017 i 109 Confidi Fedart hanno erogato garanzie per 1,8 miliardi di euro a favore delle circa 670 mila micro e piccole imprese associate a valere su 3,3 miliardi di euro di finanziamenti concessi dalle banche. A fine 2017 il sistema deteneva 5,0 miliardi di euro di garanzie in essere, segnando una contrazione del 7% rispetto all’anno precedente con un trend analogo a quello registrato dal credito alle imprese dovuto alla progressiva disintermediazione dal circuito del credito. Questo fenomeno ha contribuito ad accentuare ulteriormente il credit crunch sulle imprese minori in una spirale di causa effetto preoccupante.

Fedart Fidi – promossa da Confartigianato, CNA e Casartigiani – è la maggiore federazione di rappresentanza del sistema di garanzia in Italia e in Europa, un fenomeno quasi unico al mondo fondato sul sostegno reciproco tra gli imprenditori, con una forte valenza sociale e non solo economica.

Sul tema normativo Fedart Fidi sottolinea l’urgente necessità di rivedere la normativa sul Fondo antiusura, fondamentale strumento di prevenzione di questo barbaro fenomeno, che i Confidi come mission istituzionale contribuiscono da sempre a contrastare. Contando anche sulla proficua collaborazione storicamente intrattenuta con gli uffici del Ministero dell’Economia e delle Finanze, chiedono di rimuovere quegli ostacoli che oggi rendono poco fruibile l’accesso al Fondo, in particolare sulle rinegoziazioni che invece rappresentano la forma tipica di soluzione dei problemi che tali imprese spesso presentano, evitando il rischio di disperdere queste preziose risorse pubbliche.

Fonte: Fedart Fidi

Print Friendly
Tags: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*