Consumatori / Economia e Finanza / Imprese

Energia: dal 1° luglio operativo il Portale per confrontare le offerte PLACET

Al momento si possono trovare le offerte Placet, da settembre anche le offerte presenti su Trova Offerte e da dicembre tutte le offerte restanti

È operativo dal 1° luglio 2018 il Portale Offerte realizzato e gestito da Acquirente Unico come disposto dall’Arera (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente). Sul Portale è possibile confrontare tutte le offerte di energia elettrica e di gas per scegliere la più adatta alle proprie esigenze. Dal 1° luglio sono riportate le sole offerte PLACET  (a Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela) dei vari operatori, da settembre quelle già presenti sul TrovaOfferte di ARERA e da dicembre saranno presenti tutte le restanti.

Diverse le reazioni delle Associazioni di Consumatori. 

Riteniamo che l’istituzione del portale – ha dichiarato  Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale sia un primo passo nella direzione di un reale processo di liberalizzazione volto al raggiungimento degli obiettivi che tutti auspichiamo: bollette meno care a fronte di una maggiore efficienza energetica in un mercato più trasparente e più semplificato”. De Masi ha quindi sottolineato la necessità di costruire un percorso condiviso per garantire maggiori tutele e la nascita di nuove opportunità per i consumatori: “Il nostro obiettivo  è quello di tutelare soprattutto il consumatore più debole e meno avvezzo all’uso della tecnologia. A tal proposito chiediamo di essere coinvolti nella costruzione di un percorso condiviso e proficuo che porti alla nascita di nuove opportunità per il cittadino-consumatore, tra le quali: la tutela dei dati dei consumatori, le garanzie di solvibilità dei venditori, le misure di contrasto alla povertà energetica”.

Federconsumatori ha sottolineato come il portale rappresenti “un ulteriore passo avanti per informare e tutelare i cittadini in vista dell’abolizione del mercato tutelato a partire da luglio 2019“.
Nell’ottica di favorire la comprensione dei cittadini e garantire la trasparenza di questo importante passaggio, – ha quindi esortato l’Associaizone –  riteniamo fondamentale completare il percorso previsto dalla normativa, in tal senso abbiamo chiesto di predisporre: una campagna informativa istituzionale; un albo ufficiale dei venditori, già predisposto dal MISE e ora al vaglio del Consiglio di Stato“. Federconsumatori si augura infine che “tale percorso porti al più presto dei risultati positivi, affinché operino sul mercato solo i venditori sicuri, seri e certificati, per una maggiore e più corretta competitività in un mercato costellato di scorrettezze ed abusi“.

Decisamente critica, invece, la posizione dell’Associazione CODICI: “Dopo il “Trova Offerte”  – si legge nel comunicato dell’Associazione – ecco in arrivo il “Portale Offerte” di comparazione luce e gas di ARERA, che però invece che un punto di riferimento per il consumatore, nasce con il peccato originale: non vi è nessuna possibilità di confrontare il prezzo dei fornitori del mercato libero con quello della tutelaCi complimentiamo vivamente con l’Autorità uscente per quest’ultima chicca, che ovviamente ha avuto un costo  affatto irrisorio ed altrettanta inutilità“.
Come si può pensare in questo Paese – ha affermato Luigi Gabriele, Responsabile Affari Istituzionali Codici – di creare un mercato dell’energia trasparente e competitivo senza avere un benchmark di riferimento serio. Chiediamo il blocco di questo inutile “Portale Offerte” – continuato Gabriele –  in caso contrario chiederemo i soldi indietro”.
CODICI ha quindi chiesto un impegno serio al Governo che si sta mostrando sensibile al tema e sottolineato che “la prossima Autorità dovrà tutelare il consumatore e favorire un mercato affidabile e competitivo con punizioni esemplari per gli operatori che vorranno essere scorretti, scoraggiandoli in ogni modo“.

 

Print Friendly
Tags: , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*