Credito

Rapporto UNIREC sul comparto della tutela del credito in Italia

Presentato l’VIII Rapporto UNIREC sui servizi a tutela del credito. Secondo l’Unione nazionale delle imprese a tutela del credito nel 2017, le imprese associate UNIREC hanno gestito circa 35 milioni di pratiche, con un leggero decremento (604 mila pratiche) rispetto al 2016. Il numero totale di pratiche recuperate ha registrato una lieve flessione (-1%), passando da 12,1 milioni nel 2016 a 12,04 milioni nel 2017. 

Il totale dei crediti recuperati passa dagli 8,1 miliardi di euro del 2016 ai 7,5 miliardi del 2017. Il diverso andamento delle due grandezze – affidati e recuperati – conferma il sempre maggiore peso e diffusione dei Non Performing Loans (NPLs).

All’interno della rilevazione dei dati forniti dalle Imprese UNIREC inizia a riscontrarsi in maniera marcata la presenza di crediti derivanti dalle crisi bancarie di cui tanto si è parlato negli ultimi anni. Questi dati hanno un riflesso a livello locale, dove si evidenzia un appesantimento che crea distonia rispetto ai dati medi del mercato, in particolare nelle regioni Marche ed Emilia-Romagna.

Come nel 2016, la maggior parte dei crediti affidati – sia per numero di pratiche (47,7%) che per importi (49,8%) – si concentra in Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia. Guardando al numero di pratiche affidate, la Campania supera il Lazio con il 13% di pratiche, stessa percentuale riscontrata in Lombardia, che mantiene il primato. In materia di pratiche recuperate, la performance media di tutte e quattro le regioni rimane pressoché invariata rispetto all’anno precedente. La Lombardia aumenta di 1 punto percentuale, salendo dal 35% del 2016 al 36% del 2017, il Lazio conferma il 38%, la Campania passa dal 30% al 31% e la Sicilia dal 33% al 32%.

Dal rapporto UNIREC si evince che le performance, con riferimento agli importi recuperati, vedono tra le regioni più virtuose la Valle d’Aosta (23%), seguita con il 17% dal Trentino-Alto Adige. La maglia nera spetta alle Marche, che segnano una performance in valore pari al 6%. 

Gli NPLs pesano per il 45% sugli importi gestiti dalle aziende Unirec con un valore di circa 32 miliardi di euro, nel 2017 cresce del 20% su base annua sia il numero delle pratiche affidate sia il loro importo. Segue il settore bancario-finanziario (28%, per un valore quasi di 20 miliardi, il 50% dei quali fa riferimento a posizioni post “beneficio del termine”, in cui i contraenti sono tenuti a rimborsare l’intero ammontare in un’unica soluzione) e il settore delle utilities (14% e un valore di circa 10 miliardi), che – in termini di pratiche affidate – raggiunge il 23%.

La PA è il committente per cui si registra il maggior tasso di recupero degli importi (il 28,9%), seguita dal settore commerciale (con circa un quarto degli importi recuperati sul valore complessivo dei crediti del committente) e assicurativo (con una quota del 21,8%). 

Per leggere il pdf cliccare su Annual Report UNIREC 

Fonte: UNIREC

Print Friendly
Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*