Consumatori / Credito / Economia e Finanza / OIC

Evento “Educazione finanziaria: sovraindebitamento, credito consapevole e buone pratiche”

Un Convegno per promuovere una nuova cultura del credito per sostenere il Paese

Tutte le novità sui temi di fatturazione a 28 giorni, socializzazione degli insoluti, misure anti-indebitamento.
Focus sulle nuove offerte placet e sui crediti condominiali

Giovedì 22 marzo 2018 – ore 9.30

Parlamentino del CNEL – Viale Lubin, 2 – Roma

 

“Educazione finanziaria” significa riconoscere l’importanza di onorare i propri debiti e, nei casi di oggettiva difficoltà, conoscere quali siano gli strumenti che consentano al debitore di pagare senza deprimere i propri consumi e mantenendo una buona qualità di vita.

Se ne è parlato il 22 Marzo, presso la sala del Parlamentino del CNEL in Roma, al convegno “Educazione finanziaria: sovraindebitamento, credito consapevole e buone pratiche” organizzato dall’ Osservatorio Imprese e Consumatori, in collaborazione con Ufficio Emergenza Debiti e Prodeitalia, con il patrocinio di ACMI e Confassociazioni.

Focus dell’incontro: le novità sui temi di fatturazione a 28 giorni, socializzazione degli insoluti, misure anti-indebitamento, nuove offerte placet e crediti condominiali.

Il Presidente dell’Osservatorio Imprese e Consumatori, Antonio Persici, si è concentrato sull’importanza di una riforma del settore del credito: “Il protrarsi della crisi economica ha reso sempre più evidente la necessità di una riforma strutturale del settore del credito, al fine di garantire le giuste tutele a chi vive una situazione di difficoltà e di dotare le imprese dei giusti mezzi per vedere adempiuti i contratti stipulati, in un’ottica di collaborazione e di risoluzione delle controversie. Sarà, inoltre, fondamentale intervenire con azioni di educazione finanziaria al fine di aumentare la consapevolezza dei cittadini, per prevenire situazioni di sovraindebitamento e per diffondere la cultura del rispetto dei pagamenti. Perché il sistema Paese non può funzionare se chi assume un’obbligazione non la onora”.

Come Confassociazioni abbiamo affrontato più volte il tema della disponibilità economica e dell’indebitamento. – Ha dichiarato Federica De Pasquale, Vice Presidente di Confassociazioni e responsabile dei rapporti istituzionali di ANAIPSempre più spesso, infatti, sono le realtà che noi rappresentiamo quelle che si trovano a fronteggiare il problema della solvibilità dei clienti. Fenomeno in forte crescita e che innesca un vero circolo vizioso con conseguenze repressive dell’economia privata di tutti i soggetti interessati. Una delle categorie che ben conosce questa realtà ed è rappresentata all’interno del vasto mondo della nostra Confederazione è, ad esempio, quella dell’amministratore immobiliare e condominiale chiamato per legge a garantire la corretta riscossione delle rate da parte dei proprietari. Adempimento che risulta ancora più difficoltoso se l’amministratore condominiale non è un professionista con le giuste competenze giuridiche, contabili e fiscali. Ecco perché anche in questo ambito riteniamo che occorrano capacità adeguate e auspichiamo la collaborazione delle Associazioni dei consumatori e delle Imprese che possono, insieme alle Associazioni del Settore immobiliare presenti al nostro interno, come ad esempio l’ANAIP, contribuire ad orientare i condomini ad una sana gestione dei pagamenti dovuti nel rispetto non solo dei fornitori, ma anche dell’intera comunità condominiale spesso coinvolta suo malgrado ad essere penalizzata a causa di coloro che risultano essere morosi“.

Enea Franza, Responsabile dell’Ufficio Consumer Protection della Consob, si è soffermato su cosa significhi essere educati alla finanza e su quanto sia importante entrare in contatto con questa materia fin dai primi anni di scuola: “Essere educati alla finanza significa, in fondo, comprendere meglio la nostra vita quotidiana, la nostra famiglia, il nostro Paese. Quindi essa dovrebbe essere appresa fin dai primi anni di scuola, come si impara a leggere, a scrivere e (appunto) a far di conto”.

Print Friendly
Tags: , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*