Consumatori / Economia e Finanza

Péruzy: Acquirente Unico verso i Power Purchase Agreements

AU accoglie con stimolo e interesse un suo possibile coinvolgimento nell’attuazione dei PPA. Qualora fosse investito di tale ruolo, sarebbe pronto a mettere in campo le sue migliori competenze e la sua consolidata esperienza per quanto concerne l’approvvigionamento all’ingrosso e la gestione del rischio.

Abbiamo ascoltato con grande interesse la suggestione circa un possibile coinvolgimento di Acquirente Unico nell’adozione dei Power Purchase Agreements per la promozione degli investimenti in generazione rinnovabile”.

Lo ha dichiarato Andrea Péruzy, Presidente e AD di Acquirente Unico, a commento dell’intervento del Presidente dell’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas, e il Sistema Idrico, Guido Bortoni, alla conferenza “Verso l’applicazione dei Renewables Corporate PPA (Power Purchase Agreements) in Italia”, organizzato da Elettricità Futura in collaborazione con Confindustria e Federacciai.

Nel suo discorso, il Presidente Bortoni ha fatto appello alla necessità di un coinvolgimento di AU nell’attuazione dei PPA, in qualità di gruppo di acquisto pubblico. Eventualmente, anche con modalità di approvvigionamento dedicate per i clienti vulnerabili.

Il quadro delineato dal pacchetto Clima-Energia al 2030 ha reso ancora più sfidante il processo di transizione energetica, incrementando, come noto, l’obiettivo di consumo finale di energia da fonti rinnovabili al 27%. La maggiore complessità del processo di decarbonizzazione – prosegue Péruzy – richiede di pensare a strumenti nuovi, come i PPA, che siano maggiormente ancorati alle dinamiche di mercato e che tengano conto, nell’interesse dei consumatori, anche della progressiva riduzione dei costi di realizzo delle tecnologie rinnovabili”.

Per lo sviluppo dei PPA – aggiunge Péruzy –  Acquirente Unico potrebbe  mettere in campo le sue migliori competenze e la sua consolidata esperienza non solo nel perimetro dell’approvvigionamento all’ingrosso – per cui nell’ambito del regime di Maggior Tutela ha operato come una sorta di gruppo di acquisto ante litteram – ma anche quelle sviluppate, più recentemente, in ambito di hedging grazie all’attribuzione all’azienda della gestione delle scorte petrolifere attraverso l’OCSIT.

Del resto – conclude Péruzy – i PPA hanno altresì il merito, come anche sottolineato da Simone Mori, Presidente di Elettricità Futura, di operare, implicitamente, una copertura assicurativa contro il rischio, incoraggiando gli investimenti privati attraverso una maggiore stabilità dei fondamentali economici”.

Il dibattito di oggi – conclude l’AD di Acquirente Unico – testimonia che i PPA sono un tema oramai non più procrastinabile per l’evoluzione del mercato italiano e per il contributo del nostro Paese alle importanti sfide cui l’Europa ci chiede di partecipare. Nell’interesse dei cittadini di oggi e, soprattutto, di domani”.

Fonte: Acquirente Unico

Print Friendly
Tags: , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*