Consumatori / Economia e Finanza / Imprese

Furci, Presidente RevCond: “il revisore condominiale, valore aggiunto per i professionisti e i cittadini”

Si è riconfermato anche nell’edizione 2017 l’interesse della platea e il successo del convegno organizzato da RevCond e Primarete (con il patrocinio di CONFASSOCIAZIONI, della Regione Lombardia e il Comune di Milano, ndr) che, per il terzo anno consecutivo, ha focalizzato  l’attenzione sullo stato della professione del Revisore Condominiale.

Quest’anno con “Il Revisore Condominiale: pregi e difetti di una professione” (Sala Sistina, Hotel Michelangelo lo scorso 30 novembre) si è fatto il punto sui fattori di forza e di debolezza di questa professione non solo confrontandola con le altre figure competenti che ruotano attorno ad essa ma anche con quanto succede nel resto d’Europa. 

Deborah Furci, Presidente di RevCond

“La professione del Revisore Condominiale – ha dichiarato la Presidente di RevCond, Deborah Furci – va a tutelare non solo i condomini, ma anche gli amministratori di immobili in quanto rappresenta quell’elemento  di chiarezza e di efficacia nella gestione condominiale che probabilmente è sempre mancata. Senza tralasciare la terzietà del revisore condominiale, ovvero l’essere mediatore tra le diverse figure professionali.”

“Nonostante siano passati cinque anni dalla sua nascita regna, purtroppo, ancora molta confusione intorno a questa professione – ha proseguito Furci -. Prima fra tante il fatto che è vista come una mera azione di controllo che ostacola la gestione amministrativa mentre invece è assolutamente l’opposto, ovvero un aiuto alla stessa. Piuttosto che perdersi dietro tanta confusione, originata dalla formulazione stessa della norma specifica, sarebbe preferibile che tutti i professionisti coinvolti facessero massa critica per lavorare insieme e garantire la massima efficienza professionale.”

“Diventa cioè necessario – ha aggiunto il presidente INT, Riccardo Alemanno – agire sull’evoluzione della forma mentis, ovvero avere la consapevolezza che ogni singolo pezzo del Paese (ovvero ogni singolo professionista) e non solo qualcuno, contribuisce a rendere migliore l’Italia. È finito il tempo del restare ancorati a vecchi comportamenti individualistici, il mondo cammina, con o senza di noi. Tanto vale unire le forze e lavorare in maniera sempre più performante”.

“Riguardo il confronto con i cugini europei, a parte l’esperienza, ottima, della Svizzera – ha osservato Francesco Di Castri, AD di Sinteg Servizi Immobiliari – la professione del Revisore Condominiale non è contemplata non perché sia inutile, ma perché l’intera gestione del comparto condominiale funziona in maniera ineccepibile. In Italia, invece, dove il settore dell’amministrazione condominiale ha vissuto periodi di ignoranza e di scarsa competenza, siamo qualche passo indietro per cui la presenza di un revisore può solo fare bene in una qualsiasi gestione condominiale”

Dello stesso parere Giorgio Granello, vice presidente RevCond che ha aggiunto “non possiamo più restare a guardare cosa fanno negli altri paesi della comunità europea altrimenti rischiamo di non essere più neanche uno stato. Bisogna agire e agire bene per garantire un futuro italiano degno di questo nome. Il voler fare di RevCond è data dall’ideazione del progetto Besta, rivolto alle scuole superiori di indirizzo professionale, attraverso il quale si formano gli studenti alla professione del revisore condominiale. Il nostro progetto pilota è già pronto e vede il suo taglio del nastro il prossimo anno accademico presso l’Istituto Besta di Treviso”.

“Lavorare in sinergia – ha affermato il Presidente di CONFASSOCIAZIONI, Angelo Deiana, a chiusura dei lavori – come faremo con il progetto Besta di RevCond, rafforza ancor più il concetto di grande famiglia insito in CONFASSOCIAZIONI. Fin dalla nostra nascita, nel 2013, fare rete e sviluppare insieme le idee per migliorare la qualità professionale e sociale del nostro paese, è stato uno dei nostri obiettivi principali. Perché come già detto in altre occasioni, e non mi stancherò mai di ripeterlo, uniti si vince”. 

Insieme a Deborah Furci, hanno preso parte al convegno “Il Revisore Condominiale: pregi e difetti di una professione” Arabella Furci-Amministratore Unico di Primarete Srl, Virgilio Baresi-Presidente INRL, Vincenzo Nasini-Presidente Confedilizia Genova,Riccardo Alemanno-Presidente INT, Giuseppe De Pasquale-Vice Presidente ANAIP, Leonardo Barella-Presidente AIREC, Ivano Rossi-Amministratore Unico Rokler Management & Consulting Srl, Tommaso Mongiovi’-Presidente AGIAI, Carola Colombo-Responsabile Scientifico Primarete Srl, Francesco Di Castri-AD Sinteg Servi Immobiliari Integrati, Giorgio Granello-Vice Presidente RevCond, Angelo Deiana-Presidente CONFASSOCIAZIONI.

Print Friendly

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*