Imprese

Mitan Telematica: eccellenza italiana per connettere le aziende al futuro

Alberto Frigerio, milanese classe ‘56, è Presidente e amministratore delegato di Mitan Telematica, azienda italiana che opera dal 1978 nel settore ICT ed in modo particolare nelle telecomunicazioni. L’azienda nasce prima degli anni 80 come impresa di installazione e manutenzione impianti telefonici e reti dati (Oggi definita come  System Integrator).

Nel 1986 fonda insieme ad altri collaboratori la Macrotel Italia ( successivamente  incorporata in Mitan Telelmatica) con lo scopo di distribuire sistemi telefonici ad alto contenuto tecnologico. Nel 1993  intraprende una partnership con Selta la più grande azienda italiana di produzione di sistemi di telecomunicazione; i risultati non tarderanno ad arrivare tant’è che  Mitan diventerà il più importante business-partner nazionale di Selta.

Nel 2002 stringe un accordo con MCI Worldcom colosso delle telecomunicazioni statunitense (ora Verizon) che darà a Mitan l’opportunità di proporre piani tariffari di traffico telefonico con risparmi per la clientela fino al 45% rispetto al mercato dando inizio ad una vera e propria rivoluzione settoriale.

Oggi Mitan Telematica è  un Operatore Business di Telecomunicazioni, in grado di trasportare ovunque e dovunque voce e dati su qualsiasi supporto sia esso in rame, fibra ottica, via radio o satellite.

Ci presenti la sua azienda: quando è nata? 

La società nasce nel 1978 col nome di Mitan snc impianti telefonici, la sua attività principale era quella di installare e fare assistenza per impianti telefonici. Nel 1984 la società diventata Mitan Telematica srl. ed è passata ad essere installatore di impianti telefonici, ad essere un System Integrator in grado di fornire soluzioni/servizi voce e dati sia su linee telefoniche tradizionali  ISDN che su connettività a Banda Ultra Larga (ADSL, HDSL, VDSL e Fibra Ottica).   

La quarantennale esperienza maturata da System Integrator va da un semplice centralino telefonico sia in tecnologia VoIP che tradizionale alla progettazione e realizzazione di Reti dati locali (LAN) e reti Geografiche (VPN-MPLS) ossia poter collegare tra loro due o più filiali e/o a Data Center.

Quanto siete cresciuti?  

Oggi vantiamo un parco installato di oltre 2 milioni di terminali telefonici/dati, più di 10.000 clienti tra piccole, medie e grandi aziende, banche, assicurazioni, alberghi, ospedali ed enti pubblici  che ci hanno scelto per la professionalità e l’attenzione posta nel nostro operato. una divisione tecnica capace di intervenire ovunque e in qualunque momento del giorno e dell’anno

Quanto dipendenti avete? 

Il nostro  organico supera le 100 unità tra dipendenti, tecnici, consulenti commerciali   

Che progetti avete per il futuro? 

Sviluppare un modello di infrastruttura ICT ( Information Communication Tecnology) in grado di poter gestire tutte le forme di comunicazione attraverso soluzioni di virtual cloud, eliminando l’utilizzo ed i relativi costi di gestione di apparati hardware con lo scopo di contribuire alla crescita tecnologica ed economica del cliente, attraverso la modernizzazione dei propri processi aziendali, migliorando così anche la qualità di vita lavorativa.

Quali sono i vostri veri punti di forza? 

Qualità e affidabilità dei servizi offerti in cui è primaria l’importanza del rapporto umano; essere unico interlocutore ossia un partner con cui instaurare un rapporto di fiducia durevole nel tempo con lo scopo di contribuire alla crescita tecnologica ed economica del cliente attraverso la modernizzazione dei propri processi aziendali.

Perché una azienda dovrebbe rivolgersi a voi per la propria connettività? 

Perché tutti i profili sono dedicati al mondo business, e garantiti sia in termini di qualità che velocità di collegamento e ciò si traduce nella possibilità di eliminare i canoni di Telecom o altri operatori telefonici convergendo voce e dati in un’unica soluzione.

Le tecnologie per le aziende si evolvono molto velocemente, a suo avviso oggi quali sono le grandi tenenze del mercato?

IL Virtual cloud. Il cloud, prerogativa di elevata accessibilità e disponibilità in qualsiasi momento (on demand) e la virtualizzazione che invece ha come concetto di incentrare sulle macchine virtuali la gestione delle infrastrutture, sono i modelli più recenti delle infrastrutture ICT aziendali che offrono indubbiamente molteplici vantaggi tra cui un migliore utilizzo dei server e/o risparmi associati alla riduzione dell’ingombro fisico

Quale vostro “prodotto” ritiene essere davvero all’avanguardia?

IL Centralino virtuale su cloud  che permette l’utilizzo di piattaforme telefoniche virtualizzate in sostituzione dei classici centralini telefonici, con il grosso plus di mantenere tutte le caratteristiche e tutti i servizi tradizionali, liberandosi definitivamente dall’acquisto di apparati hardware/software e dalla gravosa gestione/manutenzione che gli stessi necessitano

Le aziende sono sempre molto attente ai costi: ci può fare qualchE esempio delle vostre proposte?

Abbattimento del 100% dei canoni TIM/Telecom o di altri operatori, abbattimento fino al 50% sui costi di traffico locale nazionale e mobile

  • Internet dati illimitato in fibra ultra veloce fino a 100M Zero
  • E il tutto senza cambiare il proprio  numero telefonico

In Italia l’accesso ad internet è ancora difficoltoso, con collegamenti lenti, spesso instabili, sopratutto nel meridione. Cosa a suo avviso occorrerebbe fare per ridurre il “digital divide” e rendere più competitive le aziende italiane? 

Occorrerebbe diffondere la banda larga sul territorio nazionale con tutte le tecnologie possibili e applicabili ad esempio tramite la posa di fibra ottica, l’utilizzo di sistemi trasmissivi radio o satellitari. Le tecnologie ci sono manca la volontà politica di renderle disponibili in breve tempo.

Un’altra grande questione per molte aziende è la sicurezza informatica: cosa si può fare per difendersi dalle intrusioni, ad esempio dello spazio cloud? 

Adozione di antivirus e firewall all’avanguardia, correttamente configurati e costantemente aggiornati e una attuazione di policy di sicurezza aziendali precise e severe che ad esempio non consentano il collegamento dei device personali dei dipendenti ( cellulari, tablet , notebook) alla rete aziendale. Tra l’altro questo sta diventando tra le più grosse cause di attacchi informatici aziendali.

Mitan è anche sempre molto attenta alle innovazioni, come ad esempio per l’ “internet of the things” in azienda, ce ne può parlare meglio? Ci puo’ fare qualche esempio?

L’evoluzione della rete internet ha esteso l’ “Internet of the things” (Internet delle Cose) ad oggetti e luoghi reali (“cose” appunto), che ora possono interagire con la rete e trasferire dati ed informazioni. L’oggetto interagisce con il mondo circostante, in quanto è dotato di “intelligenza”, ovvero reperisce e trasferisce informazioni tra rete internet e mondo reale.

Esempi e campi di applicazione

  • Termostati;
  • Videocamere;
  • Rilevatori di luminosità;
  • Rivelatori di umidità;
  • Orologi;
  • Wearable (oggetti da indossare, come braccialetti connessi e orologi);
  • Sensori ambientali e territoriali

 

 

Fonte: Mitan Telematica

Print Friendly

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*