Consumatori / Imprese

Bollette luce e gas in ribasso nel 2015 e con l’ora legale si risparmierà ancora

Continuano a diminuire le tariffe delle bollette per luce e gas. Dopo i ribassi del primo trimestre 2015, anche per il secondo trimestre dell’anno è previsto un calo dei costi  per i consumi di energia e gas. A stabilirlo è l’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico che ha deciso a partire dal primo aprile la riduzione della bolletta dell’elettricità  del -1,1%.  Ancor più deciso sarà il ribasso per la bolletta gas, con un calo del -4,0%. Secondo i calcoli per l’elettricità la spesa per la famiglia-tipo nell’anno  (1° luglio 2014- 30 giugno 2015) sarà di 510 euro, con un calo del -1,2% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (luglio 2013-giugno 2014), corrispondente ad un risparmio di 6 euro. Per il gas la spesa della famiglia tipo per lo stesso periodo – comprensiva quindi anche dei consumi invernali – sarà di 1.135 euro, con una riduzione del -5,7%, corrispondente ad un significativo risparmio di circa 70 euro.

Il Codacons accoglie con soddisfazione la notizia della riduzione delle tariffe nelle bollette luce e gas decisa dall’Autorità l’energia. “Si tratta di una buona notizia per i consumatori italiani, che risparmieranno sulle fatture energetiche – afferma il Presidente Carlo Rienzi – Tuttavia sulle bollette dell’energia pesano ancora tasse eccessive e voci che fanno crescere i costi per le famiglie. Basti pensare che l’incidenza delle tasse arriva a toccare quota 36% su ogni fattura, contro il 20% della media Ue. Sulle ora_legalebollette vi sono poi oneri ed extracosti che devono essere ridotti per consentire risparmi aggiuntivi alla collettività” – conclude Rienzi.

Nei prossimi mesi ad alleggerire il peso delle bollette sulle nostre tasche sarà anche l’ora legale entrata in vigore nella notte tra sabato 28 e domenica 29 marzo. A fronte dell’ora di sonno persa, con lo spostamento delle lancette degli orologi un’ora in avanti, Terna prevede, nei prossimi 7 mesi, un risparmio complessivo dei consumi di energia elettrica pari a 555,8 milioni di kilowattora.

Si tratta di una quantità di energia corrispondente al fabbisogno annuo medio di circa 200 mila famiglie. In termini economici, considerando che un kilowattora costa in media al cliente finale circa 16,21 centesimi di euro al netto delle imposte, la stima del risparmio economico relativo all’ora legale per il 2015 è pari a circa 90 milioni di euro.

Print Friendly
Tags: , , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*