Imprese

TFR in busta paga, arrivano gli aiuti per le imprese con meno di 50 dipendenti

Governo e banche tendono la mano alle imprese in difficoltà a causa del maggiore esborso mensile legato al TFR in busta paga. La possibilità  per i dipendenti di ottenere in anticipo il Trattamento di Fine Rapporto introdotto con la legge di Stabilità ed operativo dal mese di aprile rischia di trovare impreparate le piccole e medie imprese italiane, in crisi di liquidità.

salvadanaioPer questo Abi e i ministeri del Lavoro e dell’Economia hanno firmato l’accordo quadro che prevede il finanziamento con garanzia del TFR in busta paga (il cosiddetto Quir, ovvero quota integrativa di retribuzione). Potrà essere utilizzato da aziende con meno di 50 dipendenti e che non sono tenute al versamento del TFR al Fondo di tesoreria Inps.

“L’iter di attuazione delle disposizioni della legge di stabilità in materia di erogazione in busta paga del trattamento di fine rapporto (TFR) – si legge sul sito del Tesoro –  si è completato con l’accordo quadro tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’Associazione Bancaria Italiana.
Grazie all’accordo quadro – spiega la nota –  le imprese con meno di 50 dipendenti che dovessero registrare problemi nei flussi finanziari necessari a far fronte al maggiore esborso mensile a seguito delle richieste di erogazione mensile dell’importo altrimenti destinato al TFR, potranno accedere a finanziamenti a tasso agevolato. Le banche aderenti all’accordo quadro potranno erogare finanziamenti a tasso agevolato in virtù della garanzia pubblica”.

Per saperne di più scarica le Linee guida accordo quadro TFR

Print Friendly
Tags: , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*