Pubblica Amministrazione / Top 4

Pagamento debiti PA, Forza Italia punge Renzi

Il governo Renzi ha un lato debole. Un nervo scoperto che torna a creare grattacapi all’esecutivo. Sono i debiti che la Pubblica amministrazione ha accumulato nei confronti delle imprese fornitrici e che lo Stato fatica a restituire.

Forza Italia torna a punzecchiare il governo che, conti alla mano, non ha rispettato le promesse di restituire alle imprese quanto dovuto. Sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef), il governo Renzi ha annunciato di aver pagato al 30 gennaio 2015 36,5 miliardi di debiti contratti dalla PA verso i creditori. L’ammontare è inferiore a quanto dovuto dal pubblico al sistema delle imprese sia in base alle rilevazioni di Bankitalia che di altre associazioni imprenditoriali.

Renato Brunetta, capogruppo alla Camera, in una nota ha spiega: “Il presidente del Consiglio si era impegnato a liquidare i 68 miliardi di debiti della Pa rimasti dopo il pagamento di 22 miliardi da parte dei governi Monti e Letta, su un totale stimato da Banca d’Italia pari a 90 miliardi. Ebbene, di quei 68 miliardi, al 30 gennaio 2015, vale a dire ben sei mesi dopo la scadenza che Matteo Renzi si era auto imposta (salvo rinviarla dopo pochi giorni, durante la trasmissione ‘Porta a Porta’, al 21 settembre 2014, san Matteo), il premier ne ha pagati solo 13,7 (pari al 20% di 68). Il totale di 36,5 miliardi presente sul sito del Mef, infatti, comprende i 22,8 miliardi che, come abbiamo visto, erano già stati pagati dai governi che hanno preceduto Renzi”. Il senatore di Forza Italia, Francesco Aracri ironizza: “Caro Renzi sentiamo la necessità di un’altra delle tue promesse: entro quando pensi di saldare gli altri 32 miliardi?”.

Print Friendly
Tags: , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*