Consumatori / Credito

Con la crisi non si pagano le bollette di luce e gas, morosità in aumento in Italia

La crisi continua a stritolare la disponibilità economica delle famiglie e sono sempre di più gli italiani che non pagano le bollette di luce e gas. Secondo un rapporto dell’Autorità dell’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, nel solo anno 2013 le richieste di sospensione presentate dai clienti domestici sono state 1,76 milioni, in aumento del 9,6% rispetto all’anno precedente.
Il rapporto evidenzia una maggiore rilevanza delle sospensioni per morosità in tutte le regioni della macro area Sud, mentre valori leggermente più alti si registrano al bolletteCentro e sotto la media nazionale in tutte le regioni del Nord.

La Regione dove si registrano le maggiori difficoltà nel pagamento delle bollette di luce e gas è la Sicilia, seguita da Calabria, Puglia e Molise, mentre quelle dove i cittadini appaiono più virtuosi e la concentrazione di morosi è minore sono Trentino Alto Adige, Valle D’Aosta ed Emilia Romagna.

“Le famiglie, specie quelle numerose, non riescono più a pagare le bollette a causa della crisi economica, che ha creato una ondata di povertà nel paese – spiega il Presidente del Codacons, Carlo Rienzi – Il dato dell’Autorità conferma l’allarme lanciato nei mesi scorsi dal Codacons, e se si aggiungono anche le altre utenze i numeri sono drammatici: in base ad una indagine della nostra associazione, una famiglia su 3 non è riuscita nel 2014 a far fronte al pagamento di tutte le bollette (acqua, gas, luce, telefono) e i crediti da parte delle società erogatrici hanno raggiunto un livello record pari a 18 miliardi di euro. Il 25% delle famiglie, ossia 1 su 4, risulta invece morosa sul fronte del pagamento del condominio per la propria abitazione”.

Print Friendly
Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*