Consumatori

Bollette energia: in Italia si paga il 30% in più della media UE

L’energia degli italiani costa di più. Nel nostro Paese si paga il 30% in più rispetto alla media degli alti Stati dell’Ue per le bollette energetiche, a rivelarlo è uno studio curato dagli esperti della società RSE (Ricerca sul Sistema Energetico) del Gruppo Gse (Gestore Servizi energetici), dal titolo ”Energia elettrica, anatomia dei costi”. Secondo l’analisi a pagarne le spese, in termini di competitività, sono soprattutto le piccole e medie imprese, come quelle del settore chimico, della plastica e della gomma. Gli unici a tirare un sospiro di sollievo sono gli utenti domestici con bassi consumi, che invece risparmiano pagando il 7% in meno rispetto agli altri Paesi europei. Ma a cosa è dovuto questo conto extra rispetto alla media europea?  Federico Rendina sul Sole 24 Ore, riassume così le cause che portano a lievitare le nostre bollette: “Troppa dipendenza dal gas, troppi sprechi nei sussidi alle energie rinnovabili, fisco vorace e mercato elettrico ancora in gabbia. Ma anche scarsa attenzione a sfruttare le tecnologie nelle reti e nella distribuzione di energia”. Una delle voci che incide maggiormente sulla bolletta energetica nazionale è quella dei costi per la generazione. ”Il diverso mix di fonti energetiche determina per l’Italia un extra-costo dell’ordine di 15 euro per megawattora, equivalente a circa 4,5 miliardi di euro all’anno, pari all’8% della bolletta elettrica nazionale”, ha spiegato Luigi Mazzocchi, direttore del dipartimento tecnologie di generazione di Rse.

Scarica la monografia

Print Friendly
Tags: , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*