Imprese

Cgia Mestre: “La Pubblica amministrazione deve alle imprese ancora 35 miliardi di euro”

Se sino ad oggi dovrebbero essere stati pagati circa 31/32 miliardi di euro per azzerare complessivamente il debito accumulato con le aziende, la Pubblica amministrazione a deve pagare, in linea di massima, ancora 35 miliardi di euro”. E’ quanto il segretario della Cgia di Mestre, Giuseppe Bortolussi, dopo le polemiche nate alla scadenza del termine del 21 settembre indicato dal premier Renzi per il pagamento totale dei debiti che la PA vanta nei confronti dei fornitori.

CGIA-mestreNonostante gli sforzi fatti dagli ultimi Esecutivi siano stati encomiabili, lo Stato italiano rimane il peggiore pagatore d’Europa. Sebbene la Direttiva europea 2011/7/Ue imponga alle Pa di pagare le forniture commerciali entro 30 giorni – aggiunge Bortolussi – tranne alcune eccezioni riguardanti principalmente i servizi sanitari, per i quali il limite è di 60 giorni, nel 2014, secondo Intrum Justitia, la media in Italia è di 165 giorni. Se in questo ambito anche le Pubbliche amministrazioni di Grecia, Cipro, Serbia e Bosnia sono più efficienti della nostra, vuol dire che il lavoro da fare è ancora molto”.

“Forse – aggiunge Bortolussi rivolgendosi al presidente del Consiglio, Matteo Renzi –  i suoi collaboratori non l’hanno informato bene: ma sui dei debiti della Pa le cose, purtroppo per le imprese, non stanno come ha affermato nell’intervista rilasciata nel Tg2. Il problema non è quanti soldi sono stati messi a disposizione, ma conoscere quanti soldi sono stati pagati alle imprese rispetto al debito complessivo accumulato in questi anni dalla Pa nei confronti dei fornitori”.

Print Friendly
Tags: , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*