Pubblica Amministrazione

Tlc, Giacomelli: “Internet sia una spazio di libertà e di democrazia”

“Internet non può essere ridotto alla sua dimensione commerciale, ma deve rimanere un luogo di opportunità per tutti, non solo per chi ha grandi risorse economico-finanziarie”.

MISELo ha detto il sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli, nel corso del convegno “Da Net Mundial in Brasile all’Internet Governance Forum in Turchia” che si è svolto all’interno della nuova aula dei gruppi parlamentari.

“La net neutrality resta un principio fondamentale: il timore di un eventuale accordo tra i cosiddetti over the top e grandi compagnie di telecomunicazione è legittimo e non vorremmo che a farne le spese fossero i cittadini ha aggiunto Giacomelli, secondo il quale c’è grande attesa per il ruolo che l’Italia può giocare sul tema della governance di Internet durante il semestre di presidenza italiana della Ue: il governo cercherà una mediazione perché l’Europa maturi una posizione comune verso un modello davvero multi-stakeholder. La vicenda dei nomi a dominio dimostra che c’è ancora molta strada da fare”.

Un concetto, quello della libertà della rete, che si è ripresentato nel corso di un faccia a faccia tra lo stesso Giacomelli ed il vicepresidente di Icann, Jean-Jacques Sahel. “Nel mio giro di incontri bilaterali nelle maggiori capitali europee – ha spiegato il sottosegretario alle Comunicazioni – ho registrato la condivisione di un’idea della rete come spazio di libertà e democrazia propria dei valori occidentali, che si scontra però con lo scetticismo di molti paesi europei che non hanno trovato un’interlocuzione efficace con Icann per esempio sul tema dei nomi di dominio” ha aggiunto Giacomelli riferendosi alla questione ancora aperta dell’assegnazione dei domini .wine e .vin sulla quale è intervenuto anche il Commissario Ue, Neelie Kroes. “L’idea di una governance multi-stakholder di Internet di per sé contrasta con una dimensione puramente commerciale del web: attraverso il coinvolgimento dei governi, delle università e delle associazioni non governative occorre costruire un nuovo rapporto politico tra Europa e Stati Uniti sulle questioni della sicurezza, della privacy, dei diritti della persona” ha concluso il sottosegretario.

Print Friendly
Tags: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*