Pubblica Amministrazione

Agid e Intesa Sanpaolo, accordo per l’utilizzo del “Nodo dei pagamenti – SPC”

Consentire a famiglie e imprese di semplificare il proprio rapporto con la PA, usufruendo di nuovi canali e servizi di pagamento elettronico caratterizzati dai più elevati standard di sicurezza e omogeneità. È questo il senso dell’accordo siglato tra l’Agenzia per l’Italia Digitale – Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Gruppo Intesa Sanpaolo, che aderisce così al “Nodo dei Pagamenti – SPC”. Con la sottoscrizione dell’accordo la Banca si abilita come “prestatore di servizi di pagamento”, accedendo all’insieme delle infrastrutture tecnologiche e delle regole tecniche gestite direttamente dall’Agid. L’accordo è stato sviluppato nel contesto di «Pago la PA», progetto pensato per offrire a cittadini e imprese la possibilità di effettuare pagamenti in modalità elettronica a favore della Pubblica Amministrazione e dei gestori di pubblici servizi.

Agostino Ragosa, direttore generale dell’Agid

Agostino Ragosa, direttore generale dell’Agid

La semplificazione burocratica rappresenta un fattore chiave per la competitività e lo sviluppo del Paese. La tecnologia offre molte idee e soluzioni per rendere più facile la vita dei cittadini, dei professionisti, delle imprese e delle loro associazioni, che intrattengono frequenti rapporti con la Pubblica Amministrazione. – ha dichiarato Marco Siracusano, responsabile della Direzione Marketing Intesa Sanpaolo. In questo senso, la collaborazione avviata tra Intesa Sanpaolo e l’Agenzia per l’Italia Digitale rappresenta un significativo passo avanti nel progetto di digitalizzazione degli incassi della Pubblica Amministrazione e un segno concreto delle modalità innovative di cooperazione in ambito pubblico e privato, in risposta alle richieste di semplicità e di efficienza dei contribuenti”.

La piena partecipazione del gruppo Intesa Sanpaolo determina un’importante accelerazione dell’attuazione del Sistema dei pagamenti elettronici, che già vede aderenti otto Amministrazioni centrali, sette Regioni unitamente agli enti del relativo territorio che siano collegate all’infrastruttura regionale, oltre alle altre Regioni che sono in fase di adesione ha dichiarato Agostino Ragosa, direttore generale dell’Agenzia per l’Italia Digitale.L’adesione di Intesa Sanpaolo – ha concluso – è un esempio concreto che testimonia la fattiva collaborazione dell’Agenzia con il sistema bancario”.

Print Friendly, PDF & Email
Tags: , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*