Economia e Finanza

Le tre tendenze che marcheranno il mercato dei giochi d’azzardo

Tecnologia, turismo e tasse. Questo è il trio che sta guidando a livello globale la crescita delle entrate del gioco d’azzardo, secondo le conclusioni del rapporto elaborato da Global Betting & Gaming Consultants (GBGC), una prestigiosa società di consulenza del settore. Il mercato mondiale del gioco ha registrato infatti un fatturato lordo totale di 451 miliardi di dollari nel solo 2013, con un incremento del 4,4% rispetto all’anno precedente, ed è destinato a crescere ancora.
Nel 2012, l’Asia rappresentava il 31,9% del totale delle entrate generate dal gioco d’azzardo. Con i casinò e i resort integrati che sono già in costruzione nelle Filippine, in Vietnam e in altri paesi della regione, la sua quota nel mercato mondiale continuerà a crescere e il rapporto di GBBC prevede che entro il 2017 la quota dell’Asia nel mercato globale salirà fino al 34,4%.
L’altro grande attivo è quello del gioco interattivo -su Internet, televisione interattiva e smartphone o tablet-, che sta aumentando la sua presenza sul mercato e già rappresenta il 9% di tutto il volume d’affari del gioco d’azzardo, sebbene l’obiettivo dell’intero settore dell’e-gaming sia ora quello di superare la soglia simbolica del 10%. Da una parte, i marchi più importanti di casinò online, come per esempio 32Red o PokerStars, hanno lanciato riuscite campagne di marketing in cui grandi campioni del calcio come Ronaldo o Buffon prestano il loro volto per sponsorizzare e diffondere il Texas Hold’em. Dal’altra, sono le stesse celebrities di Hollywood che, con la loro passione per il blackjack, lo hanno reso sempre più conosciuto e praticato. È giochinotizia di poche settimane fa che Ben Affleck, il famoso attore e regista statunitense, sia stato allontanato da un casinò di Las Vegas perché “troppo bravo”; e sembra che, nel 2008, sempre il protagonista di “Armageddon” abbia addirittura vinto 800mila dollari in una sola serata, scommettendo 20mila dollari a blackjack in tre mani simultanee. I brand online pertanto traggono profitto da questa nuova popolarità del “Ventuno” e la affiancano a promozioni speciali come quella del blackjack online di 32Red, che regala 32 euro di bonus per ogni 10 euro di ricarica, per accattivare utenti e rendere più interessanti le proprie proposte.
Analizzando dunque nel dettaglio il mercato dei giochi da casinò, queste sono le tendenze che ne guideranno l’ascesa nei prossimi anni.

Tecnologia
Due importanti fattori stanno contribuendo a migliorare i giochi e i servizi del gioco d’azzardo che Internet può offrire: l’espansione continua e a costi sempre più ridotti della banda larga ad alta velocità, e la proliferazione di tablet e smartphone dalle caratteristiche accresciute.
Questi due elementi rendono i giochi da casinò capaci di supportare una grafica migliore e di ottimizzare la giocabilità e pertanto fanno sì che le scommesse siano più piacevoli e veloci per i giocatori.
I miglioramenti tecnologici hanno sicuramente inciso sull’aumento considerevole delle entrate lorde del gioco online, che hanno raggiunto nel 2013 i 40 miliardi di dollari. Il rapporto del GBGC prevede che entro il 2017 raggiungeranno i 50 miliardi di dollari, di cui il 24% dovuto al gioco sui dispositivi mobili.

Turismo
I due macro casinò aperti a Singapore nel 2010 hanno riscosso così tanto successo che negli ultimi tempi anche altri governi dell’area asiatica stanno cercando di copiarne il modello, con l’obiettivo di atrarre sempre più turisti verso i propri paesi. L’Asia sta diventando il vero centro globale del gioco d’azzardo e, per il 2017, le previsioni del GBGC dicono che il continente rappresenterà il 42,5% del mercato mondiale dei casinò, un boom spettacolare se si pensa che la sua quota di mercato nel 2008 era appena del 15%. India, Sri Lanka, Filippine, Corea del Sud e Giappone sono solo alcuni dei paesi che stanno portando avanti delle politiche rivolte all’apertura di macro-resort legati al gioco, che fungano da volano per l’intero settore turistico.

Tasse
La necessità dei governi di aumentare le proprie entrate fiscali è una lama a doppio taglio per le compagnie del gioco d’azzardo. L’aspetto positivo è la legalizzazione, dopo tanti anni, del gioco e la liberalizzazione delle licenze, come accaduto in Italia nel 2012 con quelle dei casinò online. Però quello negativo è la possibilità che i governi, soprattutto in tempi di crisi come questo, aumentino la pressione fiscale proprio sugli ingressi del gioco d’azzardo. Tuttavia, anche in questo aspetto il dossier del GBGC è ottimista e prevede comunque una crescita del settore, al di là del regime fiscale di ciascun paese.

Print Friendly
Tags: , , , ,

One Comment

  1. Pingback: Le migliori applicazioni di poker per iOS | iAppleMania

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*