Pubblica Amministrazione

Pagamento debiti Pa, il governo fa slittare il pareggio di bilancio

Tutto in poche righe, pareggio di bilancio rinviato. L’Italia ha deciso di accelerare il pagamento di ulteriori 13 miliardi di debiti della PA, che peseranno sul rapporto debito Pil 2014. Per questo motivo, spiega una lettera inviata dal Ministero dell’economia alla commissione Ue, “in linea con la clausola delle circostanze eccezionali stabilite per legge, l’Italia “devierà temporaneamente dagli obiettivi del pareggio di bilancio”.
Il piano per riallineare i conti pubblici, continua il testo, è illustrato nel dettaglio nel capitolo 3 del Def. Assicurando il pareggio strutturale nel 2016, il governo “procederà nel periodo 2014-2017 con un piano di privatizzazioni di circa lo 0,7 per cento di Pil all’anno”.
Immediata e un po’ fredda la risposta della Commissione UE che ha preso “atto della deviazione temporanea annunciata dagli obiettivi di bilancio e il rinvio fino al 2016 dell’obiettivo a medio termine (il pareggio)”. Bruxelles ora “valuterà il percorso di aggiustamento verso l’obiettivo di medio termine”.
Sul fronte interno, dure le critiche all’esecutivo da Forza Italia. Il capogruppo alla Camera, Renato Brunetta spiega: “Le ragioni dello scostamento dell’Italia dall’obiettivo di medio termine continuano ad essere oscure, data l’inconsistenza di quelle addotte dal governo nella lettera. Non ci si nasconda, per favore, dietro il pagamento di 13 miliardi di debiti della Pa: Monti e Letta ne avevano previsti 40, ne avevano effettivamente pagati 23,5 e i 13 di Renzi sono ben al di sotto dell’obiettivo iniziale (ripetiamo: 40 miliardi), tra l’altro già autorizzati dalla Commissione ad aprile 2013, affinché il governo italiano li effettuasse tra il 2013 e il 2014”.

Nella serata di ieri il Tesoro ha pubblicato la lettera e la risposta del direttore generale della DG Economia e Finanza della Commissione, Marco Buti. Nella missiva indirizzata all’attenzione del commissario Sim Kallas, il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, conferma l’intenzione di avvalersi delle “circostanze eccezionali” previste dal Patto di stabilità per “deviare temporaneamente dagli obiettivi di bilancio”.

Lettera alla Commissione europea

 

Risposta Commissione UE

Print Friendly
Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*