Imprese

Giù il prezzo dell’energia, ma per le imprese benefici ridotti

Cala il prezzo dell’ energia elettrica ma per le imprese i benefici sono ridotti all’osso. E’ quanto emerge dall’ultimo Icet, l’Indice Costo Elettricità Terziario di Confcommercio  che registra un aumento del 2,6% per il secondo trimestre 2014 rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente e una diminuzione, anche se lieve (-0,58%) rispetto al primo trimestre dell’anno in corso. L’Indice scende, pertanto, a quota 133,3 punti (contro i 134,1 del primo trimestre 2014) ma rimane ancora molto ampio il divario tra l’andamento dei prezzi all’ingrosso della materia prima energia, misurato dall’Indice Prezzo Unico Nazionale del Terziario, e l’evoluzione del costo delle forniture per le imprese del terziario.  Il modesto calo dell’Indice nasconde, tuttavia, variazioni in controtendenza delle componenti che contribuiscono a formare il costo  inale della fornitura. In pratica, a fronte delle continue contrazioni del prezzo della componente energia  (-9,3% rispetto al  primo trimestre 2014, -11% rispetto al medesimo periodo dello scorso  anno), peraltro ai minimi storici dall’avvio dell’indice Icet, rincarano in maniera consistente le altre componenti tariffarie, in particolare i costi di dispacciamento e gli oneri di sistema. Per quanto riguarda le singole tipologie di attività economica, la spesa annua per il profilo ‘Albergo’ risulta pari a 60.256 euro, un livello inferiore di circa 320 euro rispetto al secondo trimestre  2013, quella per il profilo ‘Ristorante’ a 9.049 euro (-38 euro),  quella per il profilo ‘Bar’ a 5.412 euro  (-27 euro), quella per il  profilo ‘Dettaglio alimentare’ a 17.957 euro  (-109 euro), e infine quella del profilo ‘Dettaglio non alimentare’ a 4.635 euro  (-36 euro).

 

Fonte: CONFCOMMERCIO

Print Friendly, PDF & Email
Tags: , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*