Economia e Finanza

Finmeccanica, quattro arresti per fondi neri e tangenti su sistema Sistri

finmeccanicaLa Guardia di Finanza di Napoli ha arrestato questa mattina quattro persone nell’ambito dell’inchiesta della Dda, in merito alle procedure di affidamento, progettazione e realizzazione del sistema di Tracciabilità dei Rifiuti denominato Sistri. Con l’accusa di corruzione e associazione a delinquere sono stati fermati Lorenzo Borgogni, ex direttore delle Relazioni esterne Finmeccanica, Stefano Carlini, ex direttore operativo della Selex Service Management Spa (azienda del Gruppo Finmeccanica) e due imprenditori romani, Vincenzo Angeloni e Luigi Malavisi. Perquisita, inoltre, la casa dell’ex presidente di Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini.
Dalle indagini è emerso che sarebbero stati costituiti fondi neri all’estero finalizzati al pagamento di tangenti destinate ai vertici del gruppo industriale. Sequestrati 28 conti correnti e due cassette di sicurezza.
Secondo l’accusa, attraverso un sistema di false fatturazioni e sovrafatturazioni tra la Selex Service Management Spa e diverse società affidatarie compiacenti, erano stati creati fondi neri destinati al pagamento di tangenti, anche con la costituzione di società estere costituite in paradisi fiscali nel Delaware (Usa). Individuati, inoltre, correnti cifrati in Svizzera. L’imprenditore Vincenzo Angeloni avrebbe rappresentato una sorta di braccio operativo dei vertici di Finmeccanica occupandosi delle somme di denaro illecitamente accumulate da recapitare ai vertici del gruppo industriale.
Le investigazioni riguardano anche un episodio di corruzione per 4 milioni di euro, parte dei quali consegnati in contanti direttamente negli uffici di Finmeccanica, all’interno di due borsoni.

Print Friendly
Tags: , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*