Pubblica Amministrazione

Agenda digitale, Renzi convoca il “Giubileo dell’innovazione”

Qualcosa si muove lontano dalla luce dei riflettori. I primi passi del governo Renzi non hanno trascurato uno dei temi che da sempre accompagnano le priorità del giovane premier: la digitalizzazione del Paese. La strada, ad onor del vero, è la stessa già tracciata dal suo predecessore Enrico Letta. L’Agenzia per l’Italia Digitale con il team di esperti capitanati da Francesco Caio, lascia in eredità all’esecutivo in essere quantomeno un’analisi approfondita dei pregi (pochi) e difetti (vedi come carenze infrastrutturali in primis) rappresentativa del territorio nazionale.

merkel renziÈ da questo bilancio sommario che Renzi è ripartito con la sua proverbiale velocità. Non ha perso tempo, l’ex sindaco di Firenze, a cercare una sponda decisiva a Parigi e Berlino. Al di là delle rituali presentazioni, al di là dei temi economici e delle riforme strutturali indispensabili per favorire la crescita, Renzi ha strappato il sì di Hollande e Merkel per il giubileo dell’innovazione. Un’idea che si concretizzerà nel mese di luglio a detta dello stesso presidente del Consiglio: “Abbiamo convenuto con i nostri principali alleati di organizzare a luglio in Italia un importante appuntamento sull’Agenda digitale con tutti e 28 i Paesi dell’Ue. La data fatidica dovrebbe aggirarsi in prossimità di un altro evento: l’Ict 2014 che si terrà a Venezia il 9-10 luglio.

Il messaggio lanciato nel corso dell’audizione alla Camera dei deputati è stato accolto con un favore bipartisan. Del resto è di pochi giorni fa l’annuncio della costituzione di un intergruppo parlamentare – l’Alleanza degli Innovatori – finalizzato a riunire il lavoro, l’esperienza, le novità e le proposte di legge, di tutte le commissioni parlamentari sul tema dell’Agenda Digitale. mobile-word-congress-digitaleLa necessità di colmare il gap tecnologico con il resto dell’Ue è avvertito da tutti e l’urgenza, in quanto tale, è quella di agire in fretta in modo tale da recuperare almeno parzialmente il tempo perso.

A salutare con soddisfazione l’iniziativa del premier è stato tra gli altri Luigi Gambardella, presidente di Etno (l’associazione europea che rappresenta i principali operatori di telecomunicazioni tra i quali Telecom Italia, Deutsche Telekom, Orange e Telefonica): “L’annuncio del di Renzi è un’ottima notizia per il nostro settore”. “La presidenza italiana dell’Ue – ha sottolineato – è un’occasione unica per dare impulso alle politiche europee per la crescita delle Ict. Tale appuntamento avverrà a uno snodo cruciale della vita politica europea: i nuovi eurodeputati saranno eletti a fine maggio e i nuovi commissari europei verranno designati in autunno”. “La presidenza italiana – ha concluso – ha la chance di orientare una nuova Agenda Digitale europea per i prossimi cinque anni. Abbiamo bisogno di un’agenda più ambiziosa e incisiva. Etno è pronta a fare la sua parte per sostenere politiche di innovazione e di crescita”.

Print Friendly
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*