Imprese

Taglio delle tasse, Squinzi e Bortolussi promuovono il piano Renzi

Chi si opporrebbe mai al taglio delle tasse annunciato da Matteo Renzi? Sembra pensarla così anche Giorgio Squinzi, presidente della Confindustria. Tra Irap e Irpef il numero uno degli industriali non ha dubbi su cosa si dovrebbe intervenire: “L’abbassamento delle tasse è sicuramente una cosa giusta, però per noi prioritariamente bisogna ridurre il costo del lavoro”. “Soltanto attraverso ciò – ha precisato Squinzi – le aziende italiane rimarranno competitive e ci sarà ancora una possibilità di attrarre investitori esteri o di far sì che gli investitori esteri mantengano gli investimenti che hanno già in Italia”. “L’abbattimento del cuneo fiscale – ha sottolineato – è per noi la priorità fondamentale, poiché il problema è la disoccupazione arrivata a livelli insostenibili, in particolare quella giovanile”. “Poi – ha così concluso – dietro tutto c’è sempre la priorità numero uno che è la semplificazione normativo-burocratica su cui intervenire con decisione”.

bortolussi giuseppe

Il presidente della Cgia di Mestre, Giuseppe Bortolussi

In linea con il piano dall’esecutivo è anche Giuseppe Bortolussi, presidente della Cgia di Mestre. “Auspichiamo che la gran parte della contrazione – ha detto – vada a vantaggio dei lavoratori dipendenti. Solo così possiamo sperare in una ripresa dei consumi delle famiglie italiane. Quest’ultima è una condizione necessaria per ridar fiato anche alle attività artigianali, commerciali e alle piccole imprese che vivono quasi esclusivamente dei consumi del territorio in cui operano”. “Se almeno 8 miliardi andassero ad abbattere l’Irpef in capo ai dipendenti – ha analizzato – quasi certamente le fasce di reddito al di sotto dei 25 mila euro potrebbero ritrovarsi con oltre 700 euro netti in più all’anno pari a circa 60 euro al mese. Se invece, come da attese, vi si concentreranno tutti e 10 i miliardi previsti il beneficio in busta paga sarà nell’ordine degli 80 euro”.

Print Friendly
Tags: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*