Imprese

Artigiani e commercianti in piazza a Roma, in 60mila per chiedere al governo una svolta

Artigiani e commercianti arrivati da tutta Italia si sono riversati in piazza del Popolo a Roma per chiedere con forza al nuovo governo che si insedierà e al Parlamento una svolta concreta nella politica economica del Paese. La manifestazione “Senza impresa non c’è Italia. Riprendiamoci il futuro” è stata organizzata da Rete imprese Italia, l’associazione che raggruppa Confcommercio, Confesercenti, Casartigiani, Cna e Confartigianato, e secondo gli organizzatori sarebbe riuscita a radunare circa 60mila piccoli imprenditori, artigiani e commercianti.
Reta-Impresa-ItaliaQuello che gli imprenditori chiedono è “una svolta che tenga conto delle difficoltà e delle esigenze del mondo dell’impresa diffusa, dell’artigianato e del terziario di mercato, che rappresenta il 94% del tessuto produttivo dell’Italia e ne è la principale forza trainante, visto che contribuisce per il 69% al fatturato nazionale e garantisce il 58,5% dell’occupazione del Paese”. La situazione che si trovano ad affrontare le imprese italiane è tragica, “negli ultimi cinque anni hanno chiuso circa 1.000 aziende ogni giorno, la ricchezza prodotta dal nostro Paese è diminuita del 9%, la disoccupazione è raddoppiata, passando dal 6,4% al 12,7% per un totale di 1,2 milioni di disoccupati in più. Nel frattempo, la pressione fiscale ha raggiunto il 44,3% del PIL (e resterà sopra il 44% per molto tempo) mentre quella “legale” (su ogni euro di PIL dichiarato) si aggira intorno al 54%”.
Tutti i presidenti delle Associazioni sono quindi saliti sul palco per esprimere il proprio dissenso. Marco Venturi (portavoce di Rete Imprese Italia e presidente di Confesercenti), Daniele Vaccarino (presidente Cna), Carlo Sangalli (presidente di Confcommercio), Giacomo Basso (presidente di Cassartigiani) e Giorgio Carletti (presidente di Confartigianato).

 

Scarica il materiale della manifestazione

Print Friendly
Tags: , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*