Pubblica Amministrazione

Agenda digitale, Caio: “E’ la vera riforma dello Stato”

“L’attuazione dell’Agenda digitale è la riforma dello Stato”. Lo ha affermato in un’intervista al quotidiano “Il Messaggero”, il Commissario per l’attuazione dell’Agenda digitale Francesco Caio.

Francesco Caio

Francesco Caio

“Dalla sua attuazione – ha spiegato Caio – arriveranno forti risparmi di spesa e opportunità di occupazione”. “Si può legittimamente parlare di missione compiuta – ha proseguito – ora che le risorse e lo statuto per l’Agenda digitale hanno ottenuto il placet ufficiale dal governo”. L’uomo chiamato da Letta ad imprimere una svolta sul tema dell’innovazione per il Paese, ha anticipato anche i possibili scenari futuri: “Da qui si parte per trasformare la pubblica amministrazione da fardello per imprese e cittadini, a fattore di competitività per il Paese”. “Penso che il lavoro sia ben avviato – ha aggiunto – e che l’Italia ora possa fare un vero salto di qualità. Nel percorso della spending review un passaggio fondamentale sarà la fatturazione elettronica che diventerà il meccanismo principale nella gestione della spesa dello Stato anche per superare le incertezze sui pagamenti”. Per superare gli attuali ritardi, Caio è consapevole del time che servirà per completare il piano dettagliato nel rapporto da lui prodotto. Nonostante ciò prevale un cauto ottimismo. “In questo campo – ha precisato – ha senso darsi un orizzonte di 12-18 mesi per poter estendere a Regioni e Comuni la fatturazione elettronica”. Un obiettivo che, se raggiunto, porterà a pronti benefici economici: “8-10 miliardi di minori costi della macchina pubblica nel 2016-15 includendo anche i pagamenti elettronici e il fascicolo sanitario elettronico in fase di decretazione”.

 

 

Print Friendly
Tags: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*