Imprese / Pubblica Amministrazione

Trentino Ngn ferma al palo. La Provincia di Trento si mette in proprio

La Provincia Autonoma di Trento ha annunciato la sua uscita dal capitale di Trentino Ngn, la società pubblico-privata costituita nel 2011 per realizzare una rete in fibra ottica nel territorio. Il prolungato periodo di attesa e di non operatività in seguito all’indagine della Commissione Europea avviata nel luglio del 2012, la causa principale che ha portato a questo clamoroso dietrofront. Banda-largaCon tale atto vengono così meno anche le ragioni che hanno determinato l’apertura del procedimento stesso. In base agli accordi tra le parti, si procederà ora alla liquidazione della quota di partecipazione detenuta dalla Provincia Autonoma di Trento che è del 52,2 per cento. Quest’ultima prevede di recuperare tutti gli stanziamenti inizialmente disposti a favore di un progetto che rilancia l’estensione dell’infrastruttura a banda larga del Trentino per portare connettività ultra veloce nelle case di tutto il territorio provinciale. Entro il termine di febbraio, invece, verrà valutato con gli altri soci (McLink S.p.A. e La Finanziaria Trentina S.p.A) se mantenere o meno le loro rispettive quote e si stabilirà quale sarà la definizione della nuova governance societaria.

Il lungo tempo trascorso dalla formulazione originaria del progetto – hanno fatto sapere dalla Provincia Autonoma di Trento – che è rimasto congelato dal luglio 2012 a seguito dell’avvio da parte della Commissione Europea di un’indagine per valutarne la compatibilità con la normativa UE in materia di aiuti di Stato, suggerisce oggi alla Provincia di riorientare il progetto originale”. “Nell’enunciare la propria uscita dalla società Trentino NGN – si spiega in una nota – la Provincia ha deciso di intraprendere una nuova soluzione che favorisce comunque lo sviluppo digitale del Trentino, e garantisce a tutti i residenti pari opportunità di crescita sul territorio. Una soluzione che prevede di portare entro tre anni una velocità di navigazione dai 30 ai 50 megabit per secondo in tutto il territorio”. “Questa soluzione – si sottolinea – tiene conto ed è coerente con il recente rapporto del Commissario del governo per l’Agenda Digitale, Francesco Caio. Sempre nell’ottica di proseguire nello sforzo di favorire lo sviluppo del territorio garantendo sempre maggiore competitività alle imprese trentine la Provincia, in collaborazione con Trentino Network proseguirà nell’azione di cablatura in fibra ottica di tutti i distretti industriali trentini”.

Print Friendly, PDF & Email
Tags: , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*