Pubblica Amministrazione

Tim Brasil, Sawiris ci riprova. Intesa Sanpaolo “boccia” l’aumento di capitale

Tim Brasil continua a far gola a tutti i competitor presenti sul mercato del mobile sudamericano. L’ultimo interessamento, in ordine di tempo, arriva da Naguib Sawiris. In un’intervista al quotidiano brasiliano Folha de Sao Paulo, il magnate egiziano si è dichiarato pronto ad aprire i cordoni della borsa per rilevare l’asset brasiliano di Telecom Italia. “È dal 2007 – ha affermato – che provo a entrare sul mercato carioca.

L'ad di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina

L’ad di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina

Abbiamo fatto un’offerta per il controllo di Tim Brasil, non è andata in porto, ma questo non modifica la nostra strategia sul mercato”.

Dall’Italia non è arrivata nessuna conferma sull’imminente e sostanziosa (si parla di 20 miliardi di dollari) offerta d’acquisto di Sawiris. È stato lo stesso Patuano a sgomberare il campo da facili conclusioni: “Non ne so nulla, ho letto la notizia sui giornali”. Quel che è certo, è che per assestare le finanze di Telecom Italia occorre trovare liquidità. Problema al quale l’amministratore delegato conta di porre rimedio attraverso un aumento di capitale dei soci azionisti. Strategia che però Patuano si affretta a smentire alla stampa: “Non ci sono ipotesi di aumento di capitale sul tavolo”.

Sulla stessa lunghezza d’onda si era espresso ieri Carlo Messina, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, che di Telecom è azionista all’interno di Telco. “Su queste aree – ha spiegato il numero uno –  non abbiamo una visione di forte investimento. Cercheremo se è possibile di valorizzare la nostra posizione. È evidente che se dovremo fare dei passaggi successivi li valuteremo dopo aver appreso il contenuto del prossimo piano industriale di primavera”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Tags: , , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*