Pubblica Amministrazione

Fatturazione digitale, Sacco: “Risparmi stimati al 2% del Pil”

Entro giugno partirà la fatturazione elettronica per tutte le amministrazioni pubbliche centrali e andrà a regime entro giugno 2015, in concomitanza con l’anagrafe digitale. Lo ha annunciato Francesco Sacco, componente di spicco dello Steering Board per l’attuazione dell’Agenda digitale del governo, nel corso di un convegno a Roma. Banda-largaLa fatturazione elettronica – ha spiegato Sacco – è una delle tre priorità del programma dell’Agenda Digitale italiana, è in effetti già partita da dicembre scorso su base volontaria e gli Enti che si sentono pronti possono già utilizzarla”. “Dal sei giugno prossimo – ha proseguito – partirà invece l’obbligo per tutte le amministrazioni centrali”.

Fissate le scadenze anche per quanto riguarda l’anagrafe digitale. “Siamo molto avanti – ha spiegato Sacco – e si dovrebbe partire a regime entro il 15 giugno del 2015”. Il decreto sull’identità digitale è invece “sostanzialmente” pronto per essere presentato e votato. “Nell’arco di un mese o due – ha anticipato – dovrebbe essere fuori, mentre le prime sperimentazioni dovrebbero esserci prima dell’estate”. “Rallentare il programma dell’Agenda digitale – ha rincarato Sacco – significa ostacolare risparmi rilevanti per il Paese. Se pensiamo solo al progetto fatturazione digitale, il potenziale di risparmi stimati sono il 2% del Pil, che è tanto”.

Gli stessi benefici che deriveranno dall’anagrafe digitale. “Non pagheremo più le pensioni ai morti – ha aggiunto – non dovremo più fare file, rimettere più volte i dati che saranno omogenei. L’identità digitale cambia più la prospettiva. È un concetto pensato per il 21esimo secolo, per gente che non usa il pc ma lo smartphone”. “Tutte le amministrazioni – ha concluso Sacco – renderanno disponibile i dati per il loro utilizzo e noi, in qualsiasi momento e ovunque saremo, potremo accedere ai nostri dati e alle nostre pratiche”.

Print Friendly
Tags: , , , , , , , ,

One Comment

  1. Pingback: Bi-weekly #startup update | News | Smart Italy

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*