Economia e Finanza

Credito alle imprese, Bankitalia: a novembre calo del 6%. Aumentano prestiti Bce a banche italiane

Nel mese di dicembre calano a 213,709 miliardi i prestiti a lungo termine della Banca centrale europea (Bce) alle banche italiane rispetto ai 224,916 miliardi registrati a novembre. Aumentano invece i prestiti a breve termine che passano da 2,777 miliardi a 22,160. Complessivamente l’esposizione debitoria del sistema bancario italiano verso la Bce è passata da 227,693 a 235,869 miliardi. I dati sono contenuti nella pubblicazione statistica ”Aggregati di bilancio della Banca d’Italia”.
prestitoL’istituto centrale italiano ha, inoltre, reso nota l’ulteriore flessione dei prestiti da parte delle banche al settore privato. Nel mese di novembre i prestiti hanno segnato una contrazione su base annua del 4,3% (-3,7% a ottobre). Nel particolare i prestiti alle famiglie sono scesi dell’1,5% sempre su base annua (-1,3% nel mese precedente), quelli alle imprese sono diminuiti del 6% (-4,9 per cento a ottobre).
Le sofferenze restano elevate. Sui dodici mesi la crescita è stata del 22,8%, in leggera diminuzione rispetto al 22,9% registrato a ottobre.
Sempre a novembre il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è risultato pari al 6,1% (5,4% a ottobre) mentre la raccolta obbligazionaria, includendo le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è diminuita del 7,3% sui dodici mesi (-7% a ottobre).
Per quanto riguarda i tassi d’interesse, per i finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni sono stati pari al 3,86%, in lieve riduzione rispetto al 3,9% di registrato a ottobre 2013. I tassi d’interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro sono risultati pari al 4,38% (4,47% nel mese precedente), quelli sui nuovi prestiti di importo superiore sono al 2,76% (2,84% a ottobre). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,99%, come nel mese precedente.

Print Friendly
Tags: , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*