Economia e Finanza

Bce, tassi fermi allo 0,25%. Draghi: ripresa debole, avanti con le riforme

mario draghi

Mario Draghi – Presidente della Banca centrale europea

La prima riunione dell’anno del board della Banca centrale europea (Bce) ha lasciato invariato allo 0,25% il costo del denaro. L’Eurotower ha lasciato immutati anche il tasso marginale allo 0,75% e quello sui depositi a zero.
Il Presidente dell’istituto centrale, Mario Draghi, nella consueta conferenza stampa, ha dichiarato che la Bce resta comunque pronta a intervenire ancora con “ulteriori decisive misure” se saranno necessarie e invita a non farsi illusioni sulla fine della crisi perché restano ancora molti rischi. “È prematuro — ha precisato Draghi — dichiarare vittoria contro la crisi. La ripresa c’è ma è debole, modesta e fragile. Ci sono diversi rischi di carattere finanziario, economico, geopolitico e politico che possono minarla”. Le attese inflazionstiche di medio termine sono “fermamente ancorate”, ma potrebbe verificarsi un periodo lungo di bassa inflazione e per questo la politica monetaria rimarrà accomodante “per tutto il tempo necessario” con i tassi che resteranno “ai livelli attuali, se non più bassi” dato che “le prospettive di medio termine per l’inflazione sono peggiorate”.
Draghi ha poi sottolineato come i progressi dei mercati finanziari si stiano trasmettendo all’economia reale, così come i benefici del consolidamento fiscale. La Bce mette, però, in guardia i governi affinché il consolidamento non danneggi la crescita. Il Presidente della Bce parla di una “partenza debole” per il primo trimestre del 2014 e ha spiegato che, nel corso dell’anno e nel 2015, l’economia dell’area euro dovrebbe riprendersi “a un ritmo lento” grazie a un miglioramento della domanda interna e da un graduale rafforzamento delle esportazioni. La disoccupazione resta comunque troppo alta. Il numero uno della Bce ha quindi chiesto che vengano messe in atto riforme strutturali capaci di stimolare crescita e occupazione visto che la disoccupazione nella zona euro “resta elevata” e “i necessari aggiustamenti di bilancio continueranno a pesare sull’attività economica”.

 

Print Friendly
Tags: , , , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*