Economia e Finanza

Banche: ABI, il mobile banking cresce di oltre il 40%

banca onlineSempre più italiani scelgono smartphone e tablet per dialogare quotidianamente con la propria banca e fare operazioni e pagamenti in mobilità, grazie ad App e Mobile Site messi a punto dalle banche e offerti da quasi il 90% dei gruppi bancari italiani. Basti pensare che nel 2012 il mobile banking ha fatto registrare una crescita di oltre il 40% rispetto all’anno precedente, superando i 2,5 milioni di clienti che operano su questo canale. Nello stesso periodo, coloro che preferiscono gli sms per ricevere informazioni, alert e servizi dalla propria banca sono divenuti più di 4,5 milioni con un incremento di quasi un terzo (+30% rispetto al 2011). Se a questo si aggiunge che ad utilizzare App e Mobile Site sono quasi il 10% dei cittadini italiani bancarizzati, è evidente come, da un lato il mobile banking sia un fenomeno ormai consolidato, e dall’altro ci siano ancora ampi margini per un’ulteriore crescita. Soprattutto grazie alla rapida diffusione di nuovi strumenti, servizi bancari sempre più innovativi e pagamenti via cellulare. Sono questi i principali dati che emergono dal rapporto annuale sul mobile banking messo a punto da ABI Lab, il Consorzio per la Ricerca e l’Innovazione per la banca promosso dall’ABI. Lo studio è stato condotto su un campione rappresentativo di banche in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano.
I servizi preferiti dai clienti di mobile banking
Ma quali sono i servizi preferiti dai clienti di mobile banking e con quale frequenza questo canale viene utilizzato per operare con la banca? Secondo la ricerca di ABI Lab, lo smartphone viene usato soprattutto per consultare il saldo e i movimenti di conto corrente (83%), ricaricare il cellulare (55%), fare bonifici (40%), trovare lo sportello bancomat o la filiale più vicina grazie ai servizi di geolocalizzazione (rispettivamente 45% e 41%). Per quanto riguarda la frequenza di utilizzo, dall’analisi dell’Osservatorio Mobile Banking di ABI Lab emerge come il 76% dei clienti di mobile banking acceda ai servizi bancari in mobilità una o più volte alla settimana. A testimonianza del fatto che chi prova questo canale ne apprezza i vantaggi di comodità, velocità e semplicità di utilizzo e, per questo, è portato a riutilizzarlo.
Smartphone o Tablet?
Il 97% dei clienti di mobile banking accede ad App o Mobile Site della propria banca via smartphone, mentre ancora solo una minoranza opera con la banca esclusivamente via tablet. Secondo gli analisti, questo dato va letto soprattutto alla luce dei pochi anni di vita dei tablet, la cui diffusione è iniziata a partire dal 2011. E tuttavia, il tablet è preferito allo smartphone per fare operazioni dispositive o legate alla compravendita di azioni, come ad esempio consultare il saldo e i movimenti del conto deposito e del conto titoli, avere informazioni sulle quotazioni, fare bonifici e giroconti, pagare col modello F24 e sottoscrivere nuovi prodotti o finanziamenti.

 

Fonte: Associazione bancaria italiana

Print Friendly
Tags: , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*