Economia e Finanza

Legge sul lavoro: al vaglio criteri di priorita’ per accesso alla pensione dei lavoratori impiegati in attivita’ usurant

La regolamentazione della priorita’ d’accesso alla pensione dei lavoratori impiegati in attivita’ usuranti rappresenta uno degli emendamenti piu’ importanti presentati dal relatore Giuliano Cazzola al ddl sul lavoro, da oggi sul tavolo della commissione Lavoro della Camera dei deputati. I parametri individuati da Cazzola per l’accesso al pensionamento sono: la data di maturazione dei requisiti e quella di presentazione della domanda.


 


Tra gli altri emendamenti: l’apprendistato come assolvimento alternativo dell’ultimo anno della scuola dell’obbligo, le universita’ che dovranno fornire i dati sui laureati alla Borsa nazionale del lavoro, e la cancellazione dell’articolo 25 sul riscatto dei periodi di congedo di maternita’ o parentale extra rapporto di lavoro, che accorda la possibilita’ di accesso ai benefici solo a chi fa domanda in costanza di rapporto.


 Il provvedimento arrivera’ in aula il 25 gennaio e dovra’ poi tornare al Senato per il si’ definitivo.


 


Il relatore Cazzola, infine, allunga i tempi per il varo dei decreti delegati sulla riforma degli ammortizzatori sociali, i servizi per l’impiego, gli incentivi all’occupazione, i criteri infatti passerebbero da 36 mesi dall’entrata in vigore della legge 247/2007 (dunque fine 2010) a 24 mesi dall’entrata in vigore della legge attualmente in discussione.

Print Friendly
Tags:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*